novità

Mostra solo gli articoli con l'etichetta novita

« Indietro 1 2 3 Avanti »

pubblicato da crete il 24.11.2018 alle 15:21:52

“VENERDI’ TRENTA LA GENTE E’ PIU’ CONTENTA!”

Un bicchiere con gli amici ammirando le creazioni di “Anima Volubile”, “bobò” e “Gabriel Reinoso Jewelry”

Venerdì 30 novembre dalle 18,30  alle 22,00

Crete pièce unique – via S.Felice 48/a Bologna

Info: 051 555206 - 3383773318 – info@cretepieceunique.it

Orari: 10,00 -13,30; 15,30- 19,30.

Domenica e lunedì mattina chiuso.

Anima Volubile in collaborazione con Elica Studio di Pastore&Bovina  presenta la  collezione  “Fake Fox”  (nuove interpretazioni del classico collo in pelliccia staccabile che diventa morbida lana ricamata), sciarpe con i cuori spinati i e i kimono  in tessuto  jacquard  stampato della linea Quintessenza  dell’Arcolaio di Teramo. Di se stessa dice: “Da ragazzina, volevo fare la stilista. Ma poi mi resi conto che non faceva per me, non volevo essere un prodotto in serie. Quello che mi attirava era il fascino del pezzo unico, originale, irripetibile. Così come  il ritrovare mobili o abiti con una loro storia e inventargliene un'altra. L'incontro con le persone , con il loro materiale di vita e di lavoro , mi ha aperto ogni volta mondi fantastici da scoprire e fare miei. Alla fine si tratta di semplici, fortuiti, casuali incontri.”

Bobò – bourgeois o bohémien? – è una provocazione allo stile contemporaneo che nasce dalla fusione di design e artigianato. Le collezioni di bobò si ispirano ai simboli e alla natura: rami e legni forgiati dall’acqua si trasformano nei gioielli di bronzo e argento della collezione Oltremare, alcuni sassolini trovati sulla spiaggia sono ora i protagonisti della collezione Cuori di pietra e l’Uroboro, il serpente che si morde la coda, continua ad inseguire se stesso all’infinito sui corpi di chi sceglie la collezione Simboli. Le mani e la mente di bobò sono Francesca e Luca. Sorella e fratello, nel loro laboratorio creano gioielli rigorosamente fatti a mano con diversi materiali e tecniche, tra cui la microfusione a cera persa e l’incisione. Formula magica: curiosità e passione.

.

Gabriel Miranda Reinoso nato a l’Avana, Cuba, dove ha studiato gioielleria e nel 2002 trasferito in Italia, presenta la sua linea di gioielli in argento bronzo e pietre realizzati a mano. Del suo lavoro dice: “Modello la materia in modo irregolare, amo lasciare in evidenza le caratteristiche di una lavorazione, giocare sul contrasto tra perfezione e imperfezione. Le texture sono spesso ruvide, ma è piacevole toccare il metallo, sentirne le irregolarità. I miei monili sono pezzi unici, realizzati a mano con diverse tecniche.

Etichette: novita

PANE AMORE E FANTASIA

“Che te magni? Pane. E che ci metti dentro? Fantasia, Marescià”

cronaca di idee e passioni per un’economia contemporanea

Si dice sempre che la storia è ciclica e- cambiando secolo e macro caratteristiche- si ripete uguale a sé stessa. Succede anche nella moda, fenomeno virale nel nostro contemporaneo; un po’ quello che capita a tanti aspetti del quotidiano, dal lavoro al cibo che mangiamo.

Il titolo del film di Comencini del ’53 calza perfettamente all’evento in programma per il prossimo 26 ottobre nella Manicalunga di Crete pièce unique a Bologna.

La “fantasia”, intesa come creatività, a fare da companatico al pane.

Anche questa volta si ripete il mood di Studio Elica, partner di Crete, nel sapersi mixare e incrociare con realtà diverse: tessuti ceramiche e pane saranno protagonisti di quest’occasione, sotto forma di Arcolaio, Amaaro, il forno di Calzolari; tre diverse realtà produttive con un elemento in comune con Elica, la passione, quella che oggi fa la differenza nel modo di lavorare: con o senza.

Lasciando ad altri il senza e la com-passione, Arcolaio, Amaaro, il forno di Calzolari sono nate e si sono sviluppate solo grazie alla passione per la materia con cui lavorano. Due sono storie famigliari, una è l’incontro e la nascita di un amore.

Il prossimo 26 ottobre da Crete saranno apparecchiati i tessuti di Arcolaio, in particolare la collezione Quintessenza, disegnata da Elica, con nuove iconografie: lino cotone jacquard e stampa digitale in dialogo con gli oggetti fantastici di Amaaro, atelier creativo nato dall’incrocio di un architetto, un pittore e la passione per la ceramica. A fare da trait d’union fra loro, il pane, non uno qualunque ma il pane del forno di Calzolari. E’ Matteo, fornaio, figlio di Franco, “il Fornaio” di Monghidoro, a proseguire una storia antica e nuova al tempo stesso, quella del pane: l’amore per la terra, il grano, il lievito madre, la macina a pietra fanno la differenza.

Allora per una volta l’esperienza da Crete sarà multisensoriale: oltre la vista e il tatto saranno in gioco olfatto, gusto e udito e qualcuno, sentendo il rumore del pane tagliato sul tagliere ripenserà a quando non c’erano negozi di cover lungo le vie ma forni per il pane.

Una cronaca di idee e passioni che diventano economia.

La degustazione di pane del forno di Calzolari sarà bagnata dall’Albana della Tenuta Masselina di Castel Bolognese, Ravenna.

PANE AMORE E FANTASIA

“Che te magni? Pane. E che ci metti dentro? Fantasia, Marescià”

26 ottobre – 3 novembre

Opening venerdì 26 ottobre ore 18,30.

Orari: 10,00 -13,30; 15,30- 19,30.

Domenica e lunedì mattina chiuso.

Crete pièce unique – via S.Felice 48/a Bologna

Info: 051 555206 - 3383773318 – info@cretepieceunique.it

Etichette: novita

IDA Y VUELTA

Andata e ritorno per nodo solo: il macramè e la pelle cucita di Santiago Funes

Una vita scandita dai nodi potrebbe essere il claim per raccontare il lavoro di SANTI, Santiago Funes, argentino di nascita con sangue siculo nelle vene ma cittadino del mondo.

Il nodo gli ha aperto la strada, il nodo, uno dopo l’altro, lo ha portato lontano, il nodo sciolto e poi richiuso gli ha aperto molte porte, il nodo quale elemento cruciale nella sua esperienza di creatore.

Così, dopo aver sciolto giovanissimo quello più complesso della famiglia, che lo vedeva “incorniciato” dentro una vita “normale”, ha iniziato a farne altri, a imparare diverse forme di nodo, il macramè, e a costruirsi un lavoro, meglio, un modo di essere e di vivere: cittadino del mondo a casa in ogni luogo.

Incontri e nodi lo hanno portato in  diversi paesi del Sud America e, dopo  un incontro casuale con Milena Altini, anche in Italia, dove sono nati nodi nuovi, piccoli, grandi, non più solo col filo ma anche con la pelle.

Con la pelle, rispettando il suo modus vivendi, ha fatto abiti e accessori, prima per sé e poi per gli altri.

La Manicalunga di Crete presenta un capitolo del viaggio di SANTI, fotografie tridimensionali in filo e pelle: bijoux e accessori per una narrazione che tiene annodati  la storia e la tradizione col linguaggio contemporaneo.

IDA Y VUELTA

8 -16 giugno 2018

opening : venerdì 8 giugno ore 19,00.

Orari: 10 -13; 15,30- 19,30.

Domenica e lunedì mattina chiuso.

Info: Crete pièce unique – via S.Felice 48 Bologna

051 555206  -3383773318

info@cretepieceunique.it

Etichette: novita
pubblicato da crete il 05.12.2016 alle 10:25:44

Maria Luigia Marvasi 7071 - Collezione macramè

Debutta   mercoledì 7 dicembre -  ore 18,30

CRETE Pièce Unique

MARIA LUIGIA MARVASI 7071 produce una linea esclusiva di contemporary jewellery, in edizione limitata, interamente fatta a mano in Italia.

I pezzi sono tutti progettati e realizzati da Carlotta Marvasi..

CHI SIAMO

MLM 7071  è un brand nato a dicembre 2014 sui colli di Bologna, dalla collaborazione delle sorelle Marvasi.

Carlotta, diplomata all'Accodemia di Belle Arti di Bologna, è un'artista eclettica, con anni di esperienza come mosaicista.

Margherita è giornalista professionista e, oltre ad essere Direttore Creativo di MLM 7071, cura la produzione di una linea di abiti realizzati nel suo atelier di Zanzibar col marchio da lei fondato nel 2007, MAGò - east africa.

PRODOTTO

Questa prima collezione ha rimandi all'Africa e all'Oriente, nei modelli e nelle forme, insieme a suggestioni di lussuosa eleganza che ricordano il '700 nei materiali luminosi e avvolgenti che accompagnano le linee del corpo: lunghe frange morbide molto femminili.

I gioielli sono realizzati con un'antica tecnica tradizionale, semplice e pulita, lineare, di nodi, il macramè.

Sono pezzi sensuali e sofisticati che indossati donano luminosità.

MATERIALI

Le frange sono in poliestere e si appoggiano sulle curve del corpo, con volumi morbidi molto piacevoli al tatto.

Non prendono pieghe e le collane hanno sempre un aspetto "in ordine", perfetto.

I cordoni a contatto con la pelle sono tutti in cotone e seta - lucido ma non luccicante.

I colli rigidi sono in metallo anallergico.

VISION

L'essenza di MLM 7071 è nomade, sofisticata, multiculturale.

Fatta di oggetti unici e preziosi.

Un'avventura geografica tra forme e simboli che accende la fantasia e rimanda un eco del tempo in cui tutto era realizzato a mano, con cura.

TECNICA MACRAME'

Il Macramè è una tecnica antica con la quale una serie di fili vengono annodati e intrecciati a mano per realizzare pizzi e merletti dal disegno geometrico.

Di origine araba, giunse in Italia intorno al 1400 sviluppandosi soprattutto in Liguria e tra il Sei e Settecento nei conventi di tutto il territorio nazionale, dove venne insegnato e raffinato.

A detenere il primato su questa tecnica non-industrializzabile furono, però, le donne chiavaresi. E questo perché a Chiavari la presenza di un fiorente artigianato tessile, soprattutto del lino, si prestava particolarmente a questo tipo di impiego.

La caratteristica del macramè è di essere realizzato interamente a mano, senza alcun tipo di strumento ausiliario.

 

Etichette: evento novita
pubblicato da crete il 07.04.2016 alle 16:12:17

Orgogliosi di essere presenti a:

Carmen K  di Artemis danza - Teatro comunale di Bologna con:

"In alto i cuori",  la collezione realizzata da  Studio Elica - Pastore e Bovina per FOS ceramiche

e il video in esclusiva di Fabio Fiandrini

https://www.facebook.com/events/223720431316619/

https://www.facebook.com/events/864699960343517/

http://www.artemisdanza.com/news.html

http://www.pastorebovina.it/

Etichette: novita
pubblicato da crete il 12.02.2016 alle 16:41:35

VALENTINE'S DAY - DOMENICA 14 FEBBRAIO APERTURA STRAORDINARIA DALLE 16,30 ALLE 19,30

Etichette: novita

 Per "BOLOGNA DESIGN WEEK  2015"  presentazione di:

JUNGLE FEVER - anamnesi di una patologia progettuale 
un progetto di Elica – Pastore Bovina & Bulbo
in collaborazione con
Marco Morandi e Boarini La Corte dei Fiori.

Presentazione della nuova collezione di arredi:

“VEGETABLE COLLECTION”
Design di  Vito Nesta per il  brand “Cadriano”

30 settembre – 6 ottobre

press preview (solo su invito) martedì 29 settembre
Inaugurazione e aperitivo venerdì 2 ottobre, 18,30 – 23,00

Jungle Fever, anamnesi di una patologia progettuale è un'esplorazione di mondi naturali sommersi, foreste di luci, suoni selvatici e labirinti ceramici. Un’installazione interattiva e multi-sensoriale alla scoperta di un universo nascosto sotto i nostri piedi;

un luogo dove accadono piccole magie, da scoprire a piedi nudi, armati della stessa curiosità dei primi esploratori che giungevano in Amazzonia cinque secoli fa. Un mondo sconosciuto, in cui natura e artificio si confondono.
Un viaggio attraverso le nostre paure, le nostre passioni, e la nostra meraviglia di fronte all'incredibile vitalità del mondo vegetale.
In questa occasione Crete pièce unique ospita "Vegetable Collection", prima collezione di arredi ispirati alle forme e colori della natura realizzati da Cadriano, neo marchio di TLG legno che, attraverso il sapere delle mani di Luca e Nicola e il disegno di Vito Nesta, traduce la bellezza del mondo vegetale in forma di tavolo, madia, mobile, …

Bologna Design Week

Pastore & Bovina

bulbo

Marco Morandi

la Corte dei fiori

Cadriano

Vito Nesta

 "Vegetable Collection" design by Vito Nesta

per CADRIANO

Tavolino "Ghianda"

Etichette: eventi novita
pubblicato da crete il 21.11.2014 alle 15:27:27

Isoì 

Capi serigrafati e 

confezionati 

a mano, 

Crete ospita

la nuova 

collezione 

di T-shirt 

e calze.

.

.

.

.

.

Etichette: novita
pubblicato da crete il 06.11.2014 alle 17:32:26

questa è una trama....

Design e manifattura italiana da Crete a Bologna - ELICA per L'ARCOLAIO

In occasione del secondo late shopping del 14 novembre per “San Felice parla un’altra lingua”, Crete pièce unique, lo spazio di via S.Felice  48A, presenta la nuova collezione di tessuti per la casa disegnata da Studio Elica per Arcolaio. Crete è uno spazio commerciale ma anche luogo ricerca e contaminazione delle Arti Applicate italiane. In questa occasione saranno presentati complementi per la casa e la tavola in lino e cotone che Studio Elica, partner di Crete, ha disegnato per Arcolaio, manifattura tessile di Teramo, fondata nel 1958 da Francesco Perticara. L’azienda, oggi alla terza generazione -tutta al femminile- porta avanti un’antica storia di qualità, artigianalità e bellezza di un prodotto “solo” italiano.

Realizzata esclusivamente con fibre naturali –lino, cotone, lana, canapa- la produzione odierna di Arcolaio rispetta e contiene quelle caratteristiche di unicità che ancora oggi rappresentano il valore aggiunto del made in Italy.

Olga, Mariana, Mariachiara e Francesca Perticara sono quattro sorelle che inevitabilmente hanno subito il fascino dei telai di famiglia e, pur avendo carriere già avviate in altri settori, al telaio sono tornate. Penelopi contemporanee che mai si stancano di tessere e, al contrario della sposa di Ulisse, non disfano mai il lavoro anzi, intrecciano con tenacia la tela della tradizione e della qualità italiane.

L’incontro con  Elica, Carlo Pastore e Elisabetta Bovina -studio di design centrato sulla progettazione e autoproduzione di complementi d’arredo in ceramica e non solo- non è stato casuale; l’amore per il proprio lavoro e la necessità di raccontare, oggi più di prima, un’eccellenza italiana rimasta ancora tale, sono i temi che hanno ordito la trama di questo progetto; una cronaca di idee e passioni che diventano l’anima viva del mercato.

Il racconto ha una trama di Pesci Sirene e Cuori trafitti, di Reti strappate e Galline scappate, ordite in forma di telo, tovaglia, runner, tovagliolo,…

E così il magico bestiario di Studio Elica migra dalle superfici traslucide della porcellana alle morbide tessiture dei lini e delle canape di Arcolaio.

Ai tessuti saranno abbinati i piatti in porcellana di Elica e della Manifattura ceramica Vignoli di Faenza.

http://www.larcolaio.it/

http://www.pastorebovina.it/

Etichette: novita

« Indietro 1 2 3 Avanti »